martedì 5 dicembre 2017

Uora uora arrivàu 'u ferribotti


"Uora uora arrivàu 'u ferribotti" sussurravano, dandosi di gomito, nella grande Pianura all'avvicinarsi di quella coppola, di quei pantaloni di velluto a coste, di quella valigia di cartone chiusa con lo spago. Sussurri che scimmiottavano l'espressione sicula così ricorrente sullo Stretto, resa emblema in un mondo di nebbiose visioni antropologico-culturali.  Oggi, la frase è disusata ma la valigia di cartone è attualissima.


Natali a Milanu 
(Uora uora arrivàu 'u ferribotti)

Rosi 'i Natali, un tarì
tri mazzi. Addàuru spinusu
ntra li vrazza. Aggramignàru
'u greggi ò pastureddu. Si nni fuìu
lu voi cu sciccareddu. Sgriddatu
l'occhiu santu, 'u Picciriddu
talìa lu munnu.

Beppe è furibùnnu chi curtigghiàri
'n chiazza a ciuciuliàri. Lu pittirrussu
'un voli cantari. Mariuzza, matri
figghiòla spiciali, 'u pugnu grapi:
muddichèddi e sali.

Stralùci 'u celu, l'ùmmira
s'avanza: zampugna, acqua frisca
ammara-panza. La nivi janca,
linna ri piccati, arrùssica
ri passi scunsulati.

___________________.
VERSIONE PER I NON SICULI

È arrivato il ferry-boat
Canto natalizio di una palermitana disoccupata
a Milano

Rose di Natale, un soldo
tre mazzi. Le spine d'agrifoglio
sulle braccia. Hanno rubato
il gregge al pastorello. Se n'è scappato
il bue con l'asinello. Sgranato
l'occhio santo, il Frugoletto
osserva il mondo.

Beppe è furibondo coi linguacciuti
in piazza a sussurrare. Il pettirosso
non vuole cantare. Mariuccia, madre
figliola speciale, dischiude il pugno:
mollichine e sale.

Riluce il cielo, l'ombra in terra
avanza: zampogna, acqua fresca
"ammara-panza"*. La neve bianca,
linda di peccati, imporpora
di passi sconsolati.



*"Ammara-panza": cibi scadenti, atti comunque a riempire la pancia.



Versi di Leo Sinzi (zio-silen)
Foto di Fabiuss elaborata da Leo Sinzi

Nessun commento: