giovedì 17 febbraio 2011

'U jazzu ri Munti Grifuni


'U jazzu ri Munti Grifuni

Araciu araciu acchianu pi' la timpa,
cercu lu celu e 'u Celu s'abbicìna.
Jùnciu a lu pizzu 'i ciauli cu suli ca s'appagna.
Lu jazzu... 'u so lamentu.. arrizzanu li carni.
Nill'occhi 'a chiana virdi 'i mannarìni
e 'n funnu, 'u mari ca spriluccichìa.
Punenti s'accalura: è tempu di fujri.
Un passu... e volu rittu a lu sbalàncu.
Levu li vrazza, gridu: matri mia!!
Idda, piatusa, la so manu duna.
Mi rici: veni! A rrassu mi canzìa.
'Na stidda adduma, 'u "sàutu" scurìa.
Rinòcchiu 'n terra chianciu, ridu e chianciu.


________________________________

  • Il giaciglio di Monte Grifone

  • Piano piano scalo il dirupo,
  • cerco il cielo e il Cielo s'avvicina.
  • Giungo al pizzo taccola col sole che s'adombra.
  • Il giaciglio (degli agnelli)... il suo lamento...
  • fanno rabbrividire.
  • Negli occhi la piana verde di mandarini
  • e in fondo, il mare che sbrilluccica.
  • Ponente s'accalora: è tempo di andare.
  • Un passo... e volo dritto verso il baratro.
  • Alzo le braccia, grido: Madre mia!!
  • Ella, pietosa, la sua mano porge.
  • Mi dice: vieni! Lontano mi preserva.
  • Una stella accende, il "salto" oscura.
  • Ginocchio a terra piango, rido e piango.




Versi di Leo Sinzi

Nessun commento: