mercoledì 27 ottobre 2010

Nivuru 'i siccia


Nivuru 'i siccia

Nivuru 'i siccia 'n celu, lustru 'n terra:
lustru 'i lampiùni 'n cerca ri la via.
Ddà, 'n funnu a lu vaddùni, 'a vampa schiara.
'U cori tuppulìa, voli fujri
voli tuccàri 'u focu, pi capìri.

S'affaccia la massàra, s'abbicìna
ca fauci m'accarizza, mi canzìa
e meti, meti... scùcchia li cuvuni
misi a baruni... pisa ri chiantèdda
cantannu, nsunnacchiùsa, 'a ninnarèdda

(scattìu ru càuru) spàgghia senza ventu...
'nsacca la pagghia nsemmula ò furmentu...

aspietta, cu pacienza, lu mè tempu.

____________________________

Nero di seppia

Nero di seppia in cielo, luce in terra:
una lanterna in cerca della via.
Là in fondo, nella valle, l'alba schiara.
Il cuore batte forte, vuol fuggire
vuole toccare il fuoco, per capire.

S'affaccia la massara, s'avvicina
mi sfiora con la falce, s'allontana
e miete, miete... salta sui mannellì
stesi nell'aia... trebbia di piantèlla
cantando, sonnacchiosa, la ninnèlla

(l'ora è rovente) spaglia senza vento...
insacca la paglia insieme al frumento...

aspetta, con pazienza, il mio tempo.




Leo Sinzi

Nessun commento: